Dislessia: le 10 cose da sapere prima dell’inizio della scuola

Oltre 250 mila bambini e ragazzi in età scolare hanno un disturbo specifico dell’apprendimento. Riconoscere i primi segnali di DSA è importante per evitare che l’esperienza scolastica diventi frustrante. Ecco un decalogo messo a punto dall’Istituto Serafico di Assisi

Oltre 250 mila bambini e ragazzi in età scolare hanno un disturbo specifico dell’ apprendimento, per una percentuale stimata tra il 3 ed il 5% della popolazione scolare. Dislessia (disturbo specifico della lettura), disortografia e disgrafia (disturbo specifico della scrittura), discalculia (disturbo specifico del calcolo) emergono spesso a scuola: bambini e ragazzi incontrano ostacoli e difficoltà piuttosto importanti che rendono l’esperienza scolastica faticosa e frustrante, con molti disagi sul piano emotivo, che incidono negativamente sulla motivazione, sull’autostima, sull’immagine di sé e sul benessere generale, fino a innescare meccanismi di fuga da tutto quello che ha a che fare con la scuola. Anche le ripercussioni sulla famiglia sono importanti, in termini di conflittualità e di impegno. L’Istituto Serafico di Assisi lancia un decalogo di informazioni e consigli utili, redatto con il supporto degli specialisti del Centro di Ricerca InVita, per fornire a genitori ed insegnanti gli strumenti utili a riconoscere i primi segnali di DSA e di conseguenza intervenire in modo idoneo e tempestivo, dando a fili e alunni il giusto supporto, favorendone il successo scolastico e promuovendo lo sviluppo delle loro potenzialità, senza mai farli sentire inadeguati.

LE 10 COSE CHE GENITORI E INSEGNANTI DOVREBBERO SAPERE SUI DSA – Continua a leggere