Venerdì, Dicembre 19, 2014
   
Text Size



                   

TROPPA TV RENDE I BAMBINI AGGRESSIVI

Famiglia - Articoli

AddThis Social Bookmark Button

Un team neozelandese ha seguito mille minori per dieci anni per cogliere anche l'evoluzione degli effetti dell'abuso di televisione. Lo studio ha verificato che il rischio di sviluppare comportamenti antisociali cresce enormemente. L'esperto: "Massimo due ore al giorno e attenti anche ai colori dei cartoni".

Guardare troppa televisione rende i bambini e poi gli adolescenti anti-sociali ed aggressivi. La conferma del potenziale ruolo negativo sullo sviluppo comportamentale dei nostri figli arriva da un recente studio pubblicato sulla rivista scientifica Pediatrics. I ricercatori dell'Università di Otago, in Nuova Zelanda, hanno seguito mille bambini nati nel 1972 e 1973 da quando avevano 5 anni e fino ai 15. Ogni due anni è stato chiesto loro quanta televisione guardavano durante il giorno. È emerso che la tendenza a comportamenti anti-sociali e aggressivi è maggiore del 30% in chi ha trascorso complessivamente più ore davanti alla Tv.

Questi tratti di personalità caratterizzano poi anche la loro vita di adulti manifestandosi con una maggior tendenza a sperimentare emozioni negative e un aumentato rischio di sviluppare il disordine della personalità antisociale, un vero e proprio disturbo psichiatrico caratterizzato da comportamenti persistenti di aggressività.

"Non è la prima volta che si giunge a conclusioni di questo tipo, ma il segnale è altrettanto pericoloso perché dal punto di vista neurologico la mente del bambino fino ai 10 anni non ha una piena autonomia e anche con le immagini televisive c'è un apprendimento passivo", spiega Maria Malucelli, specialista in psicoterapia cognitiva e autrice di numerosi saggi.  "Questo significa che il bambino è incapace di selezionare e valutare con immagini e pensieri propri l'informazione che gli viene proposta attraverso la televisione".

Anche se altre ricerche avevano già indagato sul potenziale negativo che la televisione può avere sui bambini, questo è il primo studio in "real life" attraverso il quale, cioè, si è indagato sul rapporto con la televisione nell'intero periodo dell'infanzia e poi dell'adolescenza potendo così cogliere tutte le evoluzioni  - o involuzioni  -  comportamentali.

Ma qual è la dose giusta di tv da concedere ai bambini? "Dai 5 ai 10 anni non più di due ore al giorno di cui almeno una in compagnia di un adulto che lo aiuti a selezionare attraverso un codice psico-morale ciò che vede" raccomanda l'esperta. Ma oltre alla quantità ciò che conta è la qualità dei contenuti perché i bambini, come pure gli adolescenti, hanno un naturale bisogno di identificarsi con i personaggi che guardano in tv e che li attraggono di più.

Come scegliere? Bisogna prestare attenzione non solo ai personaggi ed alle storie dei cartoni, ma anche ai colori. "In base all'ultimo aggiornamento del test psicologico dei colori emerge che le tonalità particolarmente orientali, quelle che vanno dal grigio al nero al rosso scuro, determinano un incupimento delle facoltà emotive", dichiara Malucelli. In pratica, il bambino le identifica con un bisogno di cattiveria ed aggressività che gli impediscono di vivere e sperimentare altre emozioni. Perciò, meglio scegliere cartoni in cui ci sia spazio per tutti i colori pastello che sono più tenui e favoriscono anche il relax.

Fonte:http://www.repubblica.it

IGEA Centro Promozione Salute   Via Pisa, 6 - 65122 Pescara   Tel. 085.2405332 Mobile: 348.6616421 -  Fax.1782719133

mail: info@igeacps.it     web: www.igeacps.it