Dettaglio prodotto
Corso

CORSO ONLINE: L’arteterapia nell’intervento educativo

PROMOZIONE
corso online arteterapia

Obiettivi

Il corso intende trattare del ruolo dell’arteterapia in ambito educativo. Questa può essere praticata sia in forma attiva – con l’ausilio di materiali e strumenti utili per la libera espressione di sé stessi – che in forma passiva – mediante la contemplazione di opere d’arte custodite presso le diverse strutture museali. Gli obiettivi generali del corso sono strettamente connessi con la volontà di fornire conoscenze specifiche sull’arteterapia per l’intervento socio-educativo, ponendo in rilievo non solo le attività pratiche legate alla libera espressione artistica, ma anche il ruolo della contemplazione di opere d’arte come cura alternativa della mente.

 

Obiettivi specifici:

  • Conoscenza dell’arteterapia;
  • Conoscenza degli studi di Dewey a proposito dell’educazione;
  • Conoscenza dell’arteterapia in ambito educativo;
  • Conoscenza dell’intelligenza multipla;
  • Conoscenza di altri mezzi terapeutici: la danza, la musica e il teatro;
  • Conoscenza di alcune tecniche pittoriche utile per questa disciplina;
  • Conoscenza storico-artistica dell’arteterapia;
  • Conoscenza della didattica museale;
  • Conoscenza del ruolo delle attività contemplative, utili per diminuire lo stress;
  • Conoscenza dei diversi benefici dell’arteterapia.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Se non visualizzi il form aggiorna la pagina

Programma

Il corso ha una durata complessiva di 28 ore di formazione articolate in:

  • Videolezioni:  3 ore e 30 minuti
  • Questionari di apprendimento:  1 ora e 30 minuti
  • Sviluppo dello studio personale:  23 ore

PROGRAMMA DETTAGLIATO

 

MODULO I – ARTETERAPIA ED EDUCAZIONE

Le arti espressive si rivelano oggi indispensabili per favorire una maggiore conoscenza di sé, di fronte alle diverse situazioni di cambiamento della vita, e sono aperte a qualsiasi fascia di età e a qualsiasi condizione di salute. L’arteterapia permette un trattamento curativo che si pone al servizio dell’arte, e non viceversa, e sfrutta tutte quelle attività che utilizzano uno specifico linguaggio espressivo come medium per costruire un percorso di conoscenza della persona. Si propone dunque come un percorso rieducativo, ricco di attività pratico-creative

  • LEZIONE 1: INCONTRO TRA L’ARTE E LA TERAPIA

Da diversi anni gli studi e le riflessioni sull’arte come modalità terapeutica stanno interagendo con le figure e gli ambiti più vari. Infatti tale relazione si configura come un processo dinamico a vari livelli: psicologico, cognitivo, socio-relazionale, pedagogico, didattico, educativo, ecc. Dunque in questa prima lezione si parlerà dell’incredibile incontro tra queste due realtà, che insieme rappresentano una disciplina ormai affermata, ponendo particolare attenzione alle diverse definizioni che si sono susseguite nel tempo. L’obiettivo ultimo sarà quello di rispondere alle seguenti domande:

Qual è l’obiettivo che l’espressione artistica si pone in situazioni terapeutiche, riabilitative o educative?

Quali sono gli elementi che permettono all’arte di occupare un momento terapeutico?

  • LEZIONE 2.1: LA CORRENTE PEDAGOGICA DELL’ATTIVISMO

Oggigiorno l’arteterapia ricopre un ruolo fondamentale in ambito educativo. Ma che cosa significa educazione? In questa lezione affronteremo i sette principi di Adolphe Ferrière, per poi delineare alcune importanti figure dell’attivismo pedagogico.

  • LEZIONE 2.2: JOHN DEWEY E L’EDUCAZIONE

Oggigiorno l’arteterapia ricopre un ruolo fondamentale in ambito educativo. Ma che cosa significa educazione? Il movimento di perfezionamento dell’educazione e delle sue direttive, sviluppatosi verso la fine del XIX secolo che diede vita in Europa e in America al fenomeno delle nuove scuole e della scuola attiva, trova il suo più valido esponente nella celeberrima figura pedagogica di nome John Dewey. Questo argomento si svilupperà in due distinte parti. La prima incentrata su un saggio del 1897 di Dewey intitolato Il mio credo pedagogico, nel quale sono riportate alcune idee di educazione, ancora oggi considerate fortemente valide. La seconda parte invece riguarderà un’altra opera di Dewey, del 1938, intitolata Esperienza ed educazione, nella quale l’autore stesso insiste sui caratteri dell’esperienza che l’insegnante – o chi per lui – deve promuovere affinché questa risulti educativa.

 

MODULO II – L’INTELLIGENZA MULTIPLA E GLI AMBITI DI APPLICAZIONE

In questo modulo si affronterà il tema della teoria dell’intelligenza multipla che condiziona l’apprendimento di qualsiasi persona e dei diversi, nonché alternativi, ambiti di applicazione utilizzati dall’arteterapia.

  • LEZIONE 3: L’INTELLIGENZA MULTIPLA DI GARDNER

Lo psicologo Howard Gardner sottolinea che ogni persona è dotata di una propria intelligenza e questa è solita esprimersi con uno specifico sistema simbolico. Stando a queste osservazione l’arteterapia, per raggiungere un buon livello di inclusione e per poter garantire benessere, deve tenere in considerazione le diverse forme di intelligenza e, di conseguenza, le differenti metodologie di apprendimento che queste forme di intelletto innescano nei partecipanti. Per tale motivo l’arteterapia gode della cosiddetta multidisciplinarità, includendo così altre attività esperienziali, diverse dal disegno, dalla pittura e dalle operosità pastiche, quali: la scrittura, la musica, la danza, il teatro, il cinema, ecc.

  • LEZIONE 4: FRIELD BUCKER BRANDEIS

Frield Bucker Brandeis è stata un’insegnante di arte e ha lavorato, tra il 1934 e il 1938, con diversi bambini del ghetto di Praga e in questo contesto ha avuto modo di comprendere e di osservare come i bambini riuscivano a superare la realtà della discriminazione e del sopruso, attraverso l’espressione artistica. Tuttavia questa figura è ancora oggi ricordata per aver realizzato diversi laboratori di arteterapia con alcuni bambini ebrei nel corso della Seconda Guerra Mondiale e per aver collaborato con l’arteterapeuta – nonché una delle sue allieve – Edith Kramer.

  • LEZIONE 5: AMBITI DI APPLICAZIONE

In questa lezione si parlerà dei diversi ambiti di applicazione dell’arteterapia, che coincidono con l’area terapeutica, riabilitativa ed educativa.

  • LEZIONE 6: DANZATERAPIA

La danzaterapia è una disciplina che studia i rapporti tra mente e corpo, considerando quest’ultimo come il principale mezzo di guarigione. In questa lezione si porrà particolare attenzione ai tre principali metodi: metodo della danzaterapia analitica, metodo di Maria Fux, metodo dell’espressione primitiva.

  • LEZIONE 7: MUSICOTERAPIA

La musicoterapia è un trattamento educativo e riabilitativo che utilizza la musica e/o gli elementi musicali per soddisfare le necessità fisiche, emozionali, mentali, sociali e cognitive. In questa lezione si parlerà di musicoterapia ricettiva, musicoterapia attiva e di alcuni modelli maggiormente utilizzati in ambito educativo: modello di Bonny, modello di Nordoff-Robbins, modello di Priestley, modello Benenzon, modello Alvin, modello Orff.

  • LEZIONE 8: TEATROTERAPIA

La teatroterapia è una disciplina che utilizza il linguaggio del teatro per scopi educativi, espressivi e riabilitativi. In questa lezione si delineeranno le attività principali utilizzate in un laboratorio teatrale per l’intervento educativo

 

MODULO III – TECNICHE PITTORICO-ARTISTICHE

Al giorno d’oggi si è diffusa la squisita idea che per dipingere non occorre essere dotati di alcun talento artistico, poiché essa si rivela uno strumento ottimale per acquisire un linguaggio interiore proprio, sprigionando tensioni emotive profonde con le quali si tende ad esprimere sé stessi. Dunque in questo modulo si darà particolare attenzione a due tecniche pittoriche, che sono rispettivamente la tempera e l’acquerello.

  • LEZIONE 9: LA PITTURA A TEMPERA

La pittura a tempera, fino all’avvento della pittura a olio, ha costituito la principale tecnica pittorica. Questa si rivela una tecnica fondamentale da proporre nelle attività didattiche di arteterapia, poiché si presenta come uno strumento non troppo impegnativo e alla portata di tutti.

  • LEZIONE 10: LA PITTURA AD ACQUERELLO

Gli acquerelli rappresentano una tecnica di non facile utilizzo e in genere i principianti hanno bisogno di aiuto. Tuttavia è bene proporre un ampio bagaglio di tecniche e strumenti artistici, dai più “semplice” ai più complessi, per permettere al partecipante di conoscere diversi materiali. L’acquerello a tal proposito propone vari metodi di pittura che permette allo studente di sperimentare e mettersi in gioco con diverse metodologie di stesura.

 

MODULO IV – L’ARTE TERAPIA E LA TERAPIA DELL’ARTE

Nel modulo precedente si è detto che per dipingere non occorre necessariamente acquisire una conoscenza tecnica, poiché l’importante è avere un approccio totalmente libero nei confronti dell’arte. Ma da quando dipingere non richiede una formazione artistica? Da quando l’arte ha cominciato a richiedere una carica espressiva ed emotiva personale, piuttosto che una qualità tecnica? La risposta a queste domanda la troveremo nella figura artistica di Jean Dubuffet, il quale si interessò non poco a tutte quelle persone prive di una formazione culturale e che desideravano sfuggire ai condizionamenti sociali con la libera manifestazione artistica. Dubuffet ha dedicato buona parte della sua vita al riconoscimento artistico di tali produzioni, consacrandole in una sede museale.

  • LEZIONE 11: JEAN DUBUFFET

Il pittore, incisore e scultore dell’avanguardia francese Jean Dubuffet, nato a Le Havre il 31 luglio del 1901, è particolarmente noto per aver fondato nel 1946 un movimento artistico conosciuto con il nome di Art Brut (arte spontanea o arte grezza). Le forme artistiche alle quali Dubuffet si appassiona evidenziano delle peculiarità che si collocano nella regione remota dei modelli culturali tradizionali. Questa tipologia di arte infatti nasce in clandestinità, in situazioni d’isolamento, in persone affette da disturbi mentali e in altre delicate situazioni.

  • LEZIONE 12: LOUISE BOURGEOIS

Louise Bourgeois rappresenta una testimonianza dell’utilizzo dell’arte come mezzo curativo. Qualunque siano i materiali e i processi utilizzati, l’artista adopera, per creare le sue opere d’arte, i ricordi tormentati della sua infanzia. Questi ricordi rappresentano una stratificazione di risposte emotive alla complicata relazione che aveva con i suoi genitori. Tema chiave delle sue opere risiede nella paura dell’abbandono.

  • LEZIONE 13: BONARIA MANCA

Bonaria Manca rappresenta un esempio di artista outsider priva di una formazione artistica. Lei dipinge avvenimenti della sua vita, visioni – come direbbe de Chirico – sogni e avvenimenti storici, come quello del 1982, data che segna la prima scalata verso la cima dell’Himalaya di alcuni uomini sprovvisti di bombole di ossigeno. Questo chiarisce una questione: l’arte è uno strumento indispensabile che permette a chiunque di tornare liberi, di riconoscersi e di ricordare avvenimenti che hanno segnato la storia della nostra contemporaneità.

 

MODULO V – TERAPIA MUSEALE

L’arteterapia indubbiamente è connessa per lo più alle attività pratiche e creative, ciò non nega la straordinaria opportunità di associare tale terapia con pratiche passive combinate alla contemplazione.

  • LEZIONE 14.1: MUSEO – LUOGO DI CONTEMPLAZIONE PER LA CURA DELL’ANIMA E DELLA MENTE

I musei ricoprono un ruolo fondamentale per l’arteterapia, poiché rappresentano le palestre ove esercitare l’immaginazione necessaria per costruire il rapporto tra spiritualità e ragione, indispensabile per la conquista di una consapevolezza personale e una cognizione sociale. Inoltre le opere d’arte, se contemplate adeguatamente, sono in grado di aumentare le emozioni positive e diminuire i livelli di stress.

  • LEZIONE 14.2: DALLA TEORIA ALLA PRATICA

Con John Dewey si è parlato dell’importante ruolo ricoperto dall’esperienza, la stessa in grado di determinare un nuovo apprendimento, spontaneo, riflessivo e sociale. In questa lezione avrete modo di conoscere più da vicino i benefici della contemplazione di opere figurative. Qui potrete cogliere l’occasione di abbandonarvi a una nuova conoscenza di voi stessi.

 

CONCLUSIONE

In questa lezione conclusiva si cercherà di delineare le tematiche emerse durante il corso, ponendo particolare interesse sui benefici dell’arteterapia.

Anteprima Video Gratuita

E’ disponibile per la visione il video di presentazione del corso

Destinatari

Il corso è rivolto ad Insegnanti, Educatori, Sociologi, Artisti, Genitori, ma anche a persone che vogliono sperimentare e comprendere meglio i meccanismi creativi e simbolici del proprio mondo interiore e a tutti coloro che, per curiosità o per cultura personale, intendono avvicinarsi al mondo dell’arteterapia.

Attestato e benefit

A conclusione del percorso formativo verrà rilasciato al partecipante un attestato di formazione.

Procedura di iscrizione

Per iscriversi ai corsi basta cliccare sul pulsante “Aggiungi al Carrello” sia per acquistare un solo corso sia per l’acquisto di più corsi (soluzione più conveniente).

Una volta definiti i tuoi corsi di interesse, potrai acquistarli con Carta di Credito/Paypal (senza costi aggiuntivi) oppure con Bonifico Bancario (in caso di pagamento con Bonifico Bancario il corso sarà disponibile solo dopo avvenuto accredito presso la nostra Banca, in genere dai 3/5 giorni lavorativi).

Se vuoi dilazionare il pagamento puoi scegliere la soluzione di pagamento SCALAPAY che ti permette di pagare in tre rate mensili di pari importo, senza costi aggiuntivi.

Se vuoi acquistare un solo corso e hai un Coupon sconto ti consigliamo di procedere come indicato sopra, una volta arrivati sulla pagina che mostra il prezzo finale, occorre inserire il codice coupon qui


e cliccare su “Verifica”.

Successivamente, avviata la procedura di iscrizione, controlla se il codice coupon compare anche qui

Altrimenti digitalo di nuovo e clicca su “Applica”, così il coupon sarà calcolato nel prezzo finale.

Modalità di accesso e utilizzo

Il corso online è fruibile sulla nostra piattaforma attraverso tutti i dispositivi: smartphone, tablet e pc collegati ad internet. L’accesso è sempre disponibile (24/24)  e con durata illimitata.
Per accedere al corso, una volta acquistato (vedi modalità di iscrizione) basta cliccare sulla scritta in alto del sito “Accedi”.

Accedendo all’Area Utente con PC/Notebook o Tablet il pulsante “Accedi” è in alto a destra, come nell’immagine qui disponibile.

 

 

 

Se accediamo all’Area Utente da Smartphone, il pulsante “Accedi” è nella voce di menù a destra; occorre cliccare quindi l’icona del menù (cerchiata in rosso nell’immagine qui sotto) per visualizzarlo.

 

 

Si accede quindi al proprio account (usando le credenziali di registrazione) dove è disponibile l’accesso al corso online scelto, nella sezione “PROSPETTO CORSI” evidenziata in rosso nell’immagine qui sotto.

 

Richiedi informazioni

Campi richiesti

UN PONTE TRA GRAFOLOGIA E CRIMINOLOGIA 🖊️ PROMO E RISORSE GRATUITE
SCOPRI LE PROMO
close-image